La morte viene dal pianeta Aytin

La morte viene dal pianeta Aytin, Antonio Margheriti (Anthony M.Dawson), Italia, 1965, b/n-colore, 35 mm, 91′  |  2010 Italiani nello Spazio

Una stazione meteorologica situata sull’Himalaya viene attaccata e distrutta misteriosamente. Le autorità interessate incaricano il comandante Jackson di indagare sulla tragedia. Nello frattempo avvengono altri preoccupanti fenomeni: al polo i ghiacci si fondono e le acque fanno salire il livello del mare provocando inondazioni e sciagure. Jackson raggiunge la zona in cui la stazione meteorologica è stata attaccata e scopre l’esistenza degli Aytians, esseri metà uomini e metà bestie provenienti da un altro pianeta. La Morte viene dal Pianeta Aytin è il quarto e conclusivo film della serie “Quartetto Gamma Uno”. Il tentativo di mutare le condizioni climatiche del nostro pianeta per adattarlo alla vita degli invasori sarà un tema usato più volte in seguito nel cinema di fantascienza e una trama precognitiva di Antonio Margheriti sul futuro del pianeta: l’innalzamento della temperatura globale e il conseguente scioglimento dei ghiacci del polo, con le catastrofi naturali a esso correlate. Una trama che ormai non suona più fantascientifica.

A meteorological station in the Himalayas has been mysteriously attacked and destroyed. The authorities ask Commander Jackson to inquire on the tragedy. In the meantime another meteorological phenomenon happens. The polar ice caps are melting and the sea level is increasing dangerously. Jackson reaches the area where the meteorological station was attacked and discovers the existence of the Aytians: half men-half beasts from another planet. The fourth and last film of the series “Gamma One”. The attempt to mutate the climatic conditions of our planet to adapt for the survival of the invaders is a theme that has been used many times after this film in the Science Fiction genre. There is also a precognition of Antonio Margheriti, with global warming and the melting of the polar ice, causing the planet’s catastrophic reaction.


Sceneggiatura
Ivan Reiner, Renato Moretti
Fotografia
Riccardo Pallottini
Montaggio
Otello Colangeli
Musiche
Angelo F. Lavagnino
Interpreti
Jack Stuart, Ombretta Colli, Enzo Fiermonte, Freddy Unger, Halina Zalewska
Distribuzione
Metro-Goldwyn-Mayer

Il pianeta errante

Starcrash – Scontri Stellari Oltre la Terza Dimensione / Luigi Cozzi