La voce del lupo

Alberto Gelpi, Italy, 2018, 91’
ANTEPRIMA MONDIALE / WORLD PREMIERE  |  2018 Spazio Italia

Nico è un poliziotto violento, rientrato dopo anni nel suo paese per dare l’ultimo saluto alla madre Eleonora, ammalatasi all’improvviso. Negli stessi giorni alcuni cadaveri vengono ritrovati nel bosco, messi in mostra come un macabro monito. Eppure le tracce indicano che gli omicidi non sono stati compiuti da mano umana, ma da una bestia enorme. La polizia è convinta che Nico sia connesso ai delitti, e lo stesso Nico comincia ad avere dubbi su di sé perché si sente “cambiato”. Dopo aver rovistato in casa di Eleonora in cerca di una spiegazione, Nico scopre una terribile verità su suo padre. Grazie al Professor Moreau, un vecchio conoscente di famiglia, Nico cercherà di entrare in contatto con la sua vera natura.

Nico is a violent cop, back in town to say his last goodbye to his mother Eleonora, suddenly fallen sick. On the same days some corpses are found in the woods, displayed in a sort of macabre warning. However, evidence suggests that the crimes haven’t been committed by a human being, but by an enormous beast. The police are convinced that Nico has something to do with the crimes, and even Nico starts doubting about himself, because he feels “changed”. After rummaging Eleonora’s house in search of an explanation, Nico discovers a terrible truth about his father. Thanks to Professor Moreau, an old family acquaintance, Nico will try to make contact with his true nature.


Sceneggiatura/Screenplay
Alessandro Riccardi
Fotografia/Cinematography
Roberto Lucarelli
Montaggio/Editing
Arzu Volkan
Musica/Music
Sandro Di Stefano
Effetti Speciali/Special Effects
Donatella Mondani
Effetti Visivi/Visual Effects
Emiliano Leone
Interpreti/Cast
Raniero Monaco di Lapio, Marianna Di Martino, Christopher Lambert, Maria Grazia Cucinotta, Elisabetta De Vito
Produttori/Producers
Alessandro Riccardi, Gianluca Varriale, Michael A. Calace
Produzione/Production
Vargo Film, Gatto Film

Go Home — A casa loro

You Die. Scarichi l’app, poi muori