Le streghe son tornate

EDIZIONE 2014

Le streghe son tornate (Las brujas de Zugarramurdi – Spagna, Francia, 2013, 112′)
di Álex de la Iglesia
con Hugo Silva, Mario Casas, Pepón Neto, Carolina Nang

Se il tuo matrimonio sta cadendo a pezzi e il tuo conto in banca è in rosso, è tempo di rapinare un “compro oro”. È questa l’ultima spiaggia per un gruppo di disperati, capitanati da José, padre divorziato. Gli improvvisati ladri riescono a uscire dal negozio con una borsa contenente 25.000 fedi nuziali e fermano un taxi per scappare. Giunti nelle impenetrabili foreste dei Paesi Baschi, patria della stregoneria, i malcapitati incontrano un gruppo di folli donne che si nutrono di carne umana. Intrappolate in una villa, le streghe cercano a tutti i costi di impossessarsi degli anelli e delle anime dei nostri eroi.
“È colpa degli uomini se vedono le donne come streghe. Una donna è una donna sempre, ma un uomo ha bisogno di una donna per essere un uomo. Le donne sono maghe, siamo nati dentro di loro, e di loro abbiamo un terribile bisogno: vogliamo sempre tornare a loro e in loro. È come un ciclo, dal quale non si esce. Sono quindi d’accordo con la strega e con la donna interpretata da Carmen Maura: gli uomini sarebbero più felici se ammettessero e mandassero giù il fatto che il mondo dovrebbe essere governato dalle donne. A me basta essere una persona che diverte e che intrattiene, ma con un divertimento che sia sempre rigoroso. Il mio lavoro consiste nel mixare i generi, le cose che sono nella mia testa. Per questo nei miei film tutto è spesso così mescolato. In questo modo spero di sorprendere lo spettatore e di non farlo annoiare. Comunque non potrei essere diverso, perché questo è il mio stile, e non sarei capace di farlo altrimenti. Dove mi collocherei nella grande tradizione del cinema spagnolo fantastico? In un angolino, cercando di dare meno fastidio possibile.” —Álex de la Iglesia