TS+FF 18 – day 1

martedì 30 ottobre / tuesday 30th october

Le donne, i cavallier, gli androidi, gli astronauti, l’audaci imprese io canto… Inizia la nostra avventura, e Trieste diventa la “Città delle Stelle”. Non solo perché vi portiamo nello spazio, ma anche perché iniziamo il festival con due film che pescano a strascico nello Star System di Hollywood. Qualche nome? Ryan Gosling, James Franco, Lucy Liu, Milla Jovovich. BOOM! Iniziamo.

I FILM DI OGGI:
ore 17:00 – Teatro Rossetti
Future World
Un James Franco brutto sporco & cattivo, una androide bella e letale, un mondo post-apocalittico senza più acqua né carburante. E poi Snoop Dogg, Lucy Liu, Milla Jovovich… Esiste un modo più perfetto per iniziare?

ore 20:00 – Teatro Rossetti
First Man, Il Primo Uomo + Cerimonia di Apertura con l’astronauta Umberto Guidoni
Dalla “City of Stars” a Venezia, dalla Terra alla Luna, per arrivare fino a qui, a Trieste!
Dopo La La Land, vincitore di sei premi Oscar, Damien Chazelle e Ryan Gosling tornano a lavorare insieme in un film che racconta la storia della missione della NASA per portare l’uomo sulla Luna.
È stato il film di apertura di Venezia 75, e arriva al TS+FF in anteprima per voi con la presentazione speciale dell’astronauta Umberto Guidoni.

ore 23:00 – Teatro Miela
Frankenstein, it’s a live
Il corpo di Boris Karloff, la creatura di Mary Shelley, la musica degli OvO. Uno dei più grandi miti del cinema di tutti i tempi rivive ancora a distanza di 200 anni. E stavolta rivive di nuovi impulsi elettronici, con una sonorizzazione dal vivo che farà resuscitare anche i morti.

TS+FF EXTRA
ore 20:00 – Teatro Rossetti
VOX & More
Matteo De Longis
Un universo di pin-up intriso di sci-fi, mecha-motori e musica: è il mondo di Matteo De Longis, l’autore del poster di quest’anno. In mostra al Rossetti fino al 4 novembre.

ore 22:00 – Teatro Miela
Nuthin’ But Mech: A SELECTION
nuthinbutmech.blogspot.com è un serbatoio digitale di meraviglie tecnologiche. Lorin Wood da quasi 10 anni raccoglie e pubblica illustrazioni di diversi autori che scavano a piene mani nel mondo dei mecha, per tirarne fuori quadri virtuali che lasciano a bocca aperta. Fino al 4 novembre al Teatro Miela.