Deathgasm

EDIZIONE 2015

New Zealand, 2015, 90’
di Jason Lei Howden
con Milo Cawthorne, James Blake, Kimberley Crossman, Sam Berkley

Le scuole superiori sono un inferno! Specialmente per Brodie, che la passione per il trash metal rende un emarginato, sperduto in un mare di atletici compagni e ragazze pon pon. Un giorno, però, Brodie incontra Zakk, con cui condivide la dedizione alla musica metal: i due mettono assieme un gruppo e, guidati dal risentimento nei confronti della desolazione della provincia, si imbattono in un misterioso spartito musicale che si dice garantisca il Potere Supremo a chi lo suona. Ma la musica ha anche il potere di evocare un’antica entità maligna, Aeloth l’Oscuro, che potrebbe mettere a repentaglio la stessa esistenza degli esseri umani. Quando i compagni di scuola e i parenti si trasformeranno non solo in esseri demonici capaci di strapparsi gli occhi dal volto, ma anche in psicotici assassini… be’, sarà solo l’inizio!
“Volevo fare una commedia splatter come quelle di una volta. Sono un fan del cinema horror e quindi sconvolto dalla quantità di film a tematiche soprannaturali, basati sul presunto ritrovamento di materiale amatoriale, che vengono oggi prodotti in serie. Un film horror su due è una storia di possessione diabolica raccontata attraverso delle inquadrature traballanti di bassa qualità. Volevo fare qualcosa nella scia di Splatters – Gli schizzacervelli, Il ritorno dei morti viventi e dei meravigliosi film della Troma come The Toxic Avengers e Redneck Zombies, dove ci sono risate, eroismo e divertimento. Mi piacciono i film dove c’è un gruppo di disadattati e sfigati che devono rimboccarsi le maniche e salvare la baracca. […] Deathgasm vuol essere una commedia grossolana e accattivante, rumorosa e brutale, qualcosa che i tuoi genitori odieranno: perciò, vai e vedilo un sacco di volte! Si incontrano continuamente ragazzini che vanno in giro con le magliette dei Cannibal Corpse o de La Casa; non vedrai mai, invece, qualcuno con la maglietta de Il discorso del re o Argo. Questo è quello che vorrei che rimanesse del film e quello che davvero sarebbe un successo: il nome Deathgasm stampato sul petto di un tizio qualunque.”– Jason Lei Howden