Baikonur

EDIZIONE 2012

Germania/Russia/Kazakistan, 2011, 94’, col., DCP
di Veit Helmer
Sceneggiatura Sergej Ashkenazy – Fotografia Kolya Kano – Montaggio Vincent Assmann – Musiche Goran Bregovic – Interpreti Alexander Asochakov, Julie Marie De Villepin, Nazira Sitora Farmonova – Produttore Veit Helmer, Gulnara Sarsenova, Anna Katchko, Sergey Selyanov – Produzione Veit Helmer-Filmproduktion – International Sales M-appeal – Sito ufficiale baikonur.com

“Ciò che cade dal paradiso è consentito tenere”. Così recita una tradizione orale delle steppe Kazache. Tradizione alla quale avidamente obbediscono gli abitanti di un piccolo villaggio che vivono raccogliendo i detriti spaziali che precipitano nei pressi della vicina base spaziale di Baikonur. L’operatore radio Iskander, conosciuto come Gagarin, e l’eccentrica Nazira sono gli ultimi due giovani abitanti del villaggio. Mentre Nazira si trova in crescente difficoltà nel conciliare il suo amore per Iskander, lui, oltre ad essere un grande appassionato della stazione Baikanur, è anche innamoratissimo della bella astronauta francese Julie Mahé, della quale segue malinconicamente il viaggio verso le stelle in televisione. Un giorno Julie cade letteralmente “dal paradiso” a bordo di una piccola navicella spaziale.