Diary of the Dead

EDIZIONE 2011

USA, 2007, colore, 95′
di George A. Romero
Sceneggiatura George A. Romero – Fotografia Adam Swica – Montaggio Michael Doherty – Musiche Norman Orenstein – Interpreti Joshua Close, Michelle Morgan, Shawn Roberts, Joe Dinicol, Phillip Riccio

Jason Creed e la sua troupe stanno girando un film horror nei boschi della Pennsylvania quando i media iniziano riportare una scioccante ultim’ora: i morti risorgono dalle loro tombe per banchettare con la carne dei vivi. La troupe è costretta così a combattere per la propria vita, pur non avendo armi per difendersi e soltanto un traballante camper in cui cercare rifugio. L’evidente gravità della situazione e lo scetticismo dichiarato nei confronti dei media spingono Jason Creed ad usare la sua videocamera stessa per catturare la vera storia in un documentario intitolato “The Death of Death”.
 

Storia vivente che diventa morta e poi torna vivente. È il papà degli zombie, le sue creature predilette. Quelle che, se potessero, lo circonderebbero per mangiargli, insaziabili, il succulento cervello da cineasta. Oggi, lo sappiamo, George A. Romero prova pietà per queste figure spaventose e ripugnanti del cinema fantastico. Perché per lui, queste sagome che tornano a camminare, dall’alba al tramonto, sulla terra rappresentano la ragione negata. Ciò che di peggiore più capitare all’uomo.